Leggi il diario di viaggio
dei nostri ricercatori
  • 17
    settembre
    2017

    Sono arrivata a Stanford un anno e mezzo fa circa, grazie a una borsa iCARE cofinanziata da AIRC e dall’Unione europea. Studio i meccanismi che sono alla base del funzionamento delle cellule staminali del cancro , quel piccolo gruppo di cellule che alimenta la crescita del tumore.

    Con un bimbo di poco più di un anno e uno in arrivo, negli Stati Uniti con solo mio marito accanto, non è semplice conciliare il ruolo di mamma con quello di ricercatrice. È faticoso e richiede una notevole organizzazione, come qualunque altro lavoro.