Leggi il diario di viaggio
dei nostri ricercatori
  • 18
    marzo
    2020

    È l’elemento nobile per eccellenza e per le sue caratteristiche, fin dalla notte dei tempi, è stato scelto per realizzare gli oggetti più preziosi.

    L’oro è brillante, luminoso ma, soprattutto, mantiene queste caratteristiche nel tempo.

    Tuttavia, quando è ridotto a dimensioni piccolissime, di milionesimi di millimetro, l’oro presenta caratteristiche fisiche inaspettate: per esempio interagisce in maniera particolare con la luce.

    Queste caratteristiche sono oggetto di ricerca scientifica da non più di un secolo, tuttavia erano note già nel Medioevo, tanto che la polvere d’oro veniva usata per dare una particolare colorazione rossa alle vetrate delle cattedrali medievali.