Permette ai nostri più promettenti ricercatori un fondamentale percorso di formazione.

Filippo Cortesi
Universitaetsklinikum Hamburg-Eppendorf, Amburgo

Quei cinque mesi che mi hanno fatto capire che avrei fatto il ricercatore

Dopo la laurea in biotecnologie mediche all’Universitàdi Bologna, ho conseguito un dottorato in immunologia all’UniversitàVita-Salute San Raffaele a Milano e ora mi trovo in Germania, ad Amburgo, una bellissima città che con i suoi laghi mi ricorda Mantova, dove sono cresciuto.

Ad Amburgo studio una popolazione di linfociti T, le cellule Natural Killer, che in futuro potrebbero essere la base per un nuovo approccio alla cura dei tumori.

Il laboratorio in cui mi trovo è il luogo perfetto per farlo. Non soltanto per la dotazione tecnica tra le più avanzate al mondo, ma anche per l’aria che si respira. È un ambiente internazionale che oltre alla crescita in termini di competenze, consente di confrontarsi con modi pensare completamente diversi.

Un’esperienza che ti apre la mente, per la quale sono grato ad AIRC.