Permette ai nostri più promettenti ricercatori un fondamentale percorso di formazione.

Giulia Cheloni
Beth Israel Deaconess Medical Center, Harvard Medical School, Boston

A Boston per cercare nuove cure contro la leucemia, ma con Firenze nel cuore

“Sei matta? Non avrai lavoro e se lo troverai avrai uno stipendio da fame”. È quello che mi dicevano quando ho deciso di intraprendere la strada della ricerca.

Forse sì, sono un po’ matta ad aver scelto questa strada. Ma mi è sempre piaciuta e per ora sta andando abbastanza bene.

Fiorentina vera, con la passione per il calcio, mi sono laureata in biotecnologie mediche all'Università di Firenze. Fin dall'ultimo anno di università mi occupo di leucemia grazie all'incontro con il professor Persio Dello Sbarba. Seguivo le sue lezioni e ho svolto il tirocinio nel suo laboratorio.

Mi sono letteralmente innamorata di questo settore di ricerca tanto che, ancora ancora oggi, continuo a occuparmi di leucemia.